Io sono troppo inglese cioè givememore

Victoria posh spiceLeggevo Grazia.

Fondamentalmente sono una fashion victim frustrata dall’impossibilità di essere una fashion victim perchè a) le vere fashion victim c’hanno soldi da spendere e non vanno da H&M come la sottoscritta e b) tutti i miei amici pensano che io sia intelligente e che usi i miei soldi per comprare pacchi di libri. Errano. Ma per non sfatare questo mito continuo a passare davanti alle vetrine asserendo con gravità “puah! come gira la gente” mentre dentro desidero essere una Kate Moss meno fatta, meno cessa, meno Get The London Look.

Nel mio intimo, dunque, c’è quel non so che di ricerca del giusto abbinamento, sempre. Di savoir faire modaiolo, di sicurezza di sé. Cosa indosso? Ah, una clutch striata con inserti preziosi e tocchi etnic chic. O al massimo una maxi bag.

La verità è tutta qui. Tu prendi un giornale, pensi che sia solo un giornale, sia solo moda, qualche abitino Prada e finisce lì. Invece diventa un trip incredibile da cui non si può uscire. Da lì comincia l’inevitabile discesa verso gli Inferi. Chiamerete il vostro ragazzo boyfriend, se è più giovane è un toyboy, se voi siete vecchie e avete un fidanzatino alla Madonna (perché, si sa, nella moda è glam seguire ciò che fanno le celeb e se lo fanno loro siete esentate dal ridicolo) siete coguar women. Ma fin qui è nulla. Mangiare un panino è rozzissimo, si fa un coffee break o un brunch tutt’al più, e poi comunque se non siete convertite allo slow food orma siete out. Le scarpe sono girlie (mah), la collana è artdeco (boh) e il costume ha le ruches. Mmm le famose ruches.

Per uscire d’obbligo gli shorts (anche se vi sfido col freddo che fa), un paio di eyewear che mixano rock e postgaragepunk, attente al tessuto stretch se siete grassottelle.

Ok, ogni lavoro ha il suo linguaggio specifico, ma io non solo non posso comprare borse e accessori fiki, devo pure non capire una mazza di cosa va e cosa non va.

Annunci

6 pensieri su “Io sono troppo inglese cioè givememore

  1. buaaaaaaaahhhhhhhhhh!!!! ANCHE TU VITTIMA DI QUESTA COSA CHIAMATA MODA IN CUI BISOGNA APPARIRE PIUTTOSTO CHE ESSERE E PRENDERE A MODELLO QUALCHE celeb!(COSA CAZZO MI STA A SIGNIFICARE ‘STO ANGLICISMO?!)IL PROBLEMA è CHE QUESTI PAGLIACCI CI CAMPANO CON LE LORO FESSERIE PUBBLICITARIE, RIDOTTI A SPOT VIVENTI DELLE griffe MENTRE LA GENTE COMUNE CI RIMETTE SOLO IL PORTAFOGLIO E SFIORANO(ANZI LO CENTRANO IN PIENO!) IL RIDICOLO NEL LORO DESIDERIO DI EMULAZIONE. che tristezza.

    1. Gli anglicismi sono la cosa più ridicola perchè la moda, per me, esiste e la indossiamo volenti o nolenti e se ben fatta è arte. Ma a parte ciò, è un discorso molto lungo, è fatta per chi può permettersela o SA portarla. Chi non può è stupido, ed è solitamente lo stesso stupido che paga a rate l’iphone invece di pagare i debiti dal dentista. Per dire.
      Uso la parola stupido con assoluta libertà perchè credo che siano questo, e me ne frego se qualcuno dovesse sentirsi offeso. E poi cambiasse blog in caso :D

      Volevo dire comunque che parlare fintamente inglese dicendo minchiate cool fa davvero tristezza, quoto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...