Le cose che odio di casa mia

i miei che parlano, credendo di sussurrare, intorno a mezzanotte, con quell’appiccicaticcio bisbiglìo; il cane dei vicini che piange alle sei di mattina perché sono sei anni che è legato; mio padre che la mattina ha voglia di parlare; i trattori sotto la finestra, quando questa è spalancata per un po’ d’aria; il vicino che la domenica mattina costruisce mensole; il camion del latte alle sette, col suo ronzio similvuvuzela; il gatto randagio – incinto – che non molla il posto sul tappeto d’entrata; i volantini della Chiesa per le offerte; il mio Espresso piazzato nelle cassette della posta altrui “ah l’ho letto scusa, bel giornale!”; i ragni negli angoli del bagno che anche ad ucciderli risorgono; le cimici tra le ante della finestra; le mosche; l’odore di pesce il venerdì; i colleghi di mio padre a bere il caffè nel mio salotto; le televendite al telefono che altrimenti non squilla mai.
ps. Buon compleanno Scazzo. 5 anni.
Annunci

13 pensieri su “Le cose che odio di casa mia

  1. uahh!!!auguri di buon compliblog!!dal tuo dire deduco brillantemente che vivi in simil campagna …il buffo e’che quando cambierai definitivamente casa cio’che detesti improvvisamente ti manchera’…vita bastarda…^_^resisti cler e’ sempre un piacere!!!

  2. Più che simil campagna, campagna padana pura :D vivo in cascina!Beh, visto che il salto probabilmente sarà da un paesino tra le mucche a Milano, sì, qualcosa cambia e manca. Grazie comunque.

  3. ahh si’…ti svegliera’il tram alla fermata ..lo zoccolare dell’inquilino del piano di sopra o il suo sciaquone ..il battere dell’officina dietro l’angolo o l’uscire dal garage dell’ing che ha fretta e sgasa l’abbaiare dei cani con padroni intorpiditi dalla nebbia nei giardinetti ecc..ecc…mi sono laureata a Milano e la mia casa preferita era nella padania pura in comune …la nebbia!!!fammi sapere…crepi il lupooooo……..

  4. io scienze politiche indirizzo economico….ora studio lingue per diletto…..qui a torino!!la cultura e’l’unica cosa che nessuno puo’portarti via….stai bene Cler!!

  5. cler ma abiti a casa mia?! a parte il trattore e i volantini della chiesa(lo sanno che siamo peccatori irrecuperabili!) il posto è identico!a parte questo auguri scazzo!

  6. *thanks gabb* dress, se la tua casa è nel verde padano, tra vacchette pezzate e vecchietti che fissano gli annunci mortuari e, inoltre, il tuo paese non ha più di 700 abitanti di cui 400 tuoi parenti, allora sì. forse sei il mio vicino che costruisce le mensole. e per questo ti ucciderò.

  7. sono dovuto fuggire dalla padania per paura di Bossi, non ci sono vacche pezzate ma forse ce ne sono di truccate, ma non saprei gli animali li preferisco cotti con le patate; il mio paese ha 700 anime che non conosco ma tutte conoscono me e per finire la falegnameria la praticavo solo da giovane ed è per colpa di una sega che ho perso la vista!

  8. i sotterfugi che utilizzi per dire, alla fine, che usi la pratica della Federica sono ammirevoli.Bossi sarebbe fiero di te.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...