Senza tanti giri di parole 2

“Parole parole parole”

(Mina)

 

Quando ero piccola, giocavo spesso con una cara e affascinante amica di nome Barbie che faceva sfigurare tutti i Cicciobello e le Bollicina esistenti sulla Terra. Lei era per me un simbolo di bellezza abbagliante e di successo, l’emblema di quello che tutte le donne dovevano diventare da adulte: gnocche, ricche, con un pony e molteplici ville rosa.

E mentre crescevo mi convincevo che Barbie, con le sue zuccherose curve mozzafiato, non era affatto quella che si definirebbe oggi una Escort, che è poi lo stesso nome della vecchia Ford che i miei genitori hanno distrutto dopo una serata al Lago di Garda. Pensa che roba. Ogni volta che sento quella parola al tiggì penso all’auto mezza accartocciata dal meccanico. Non riesco proprio a credere che dei politici girino con una Ford distrutta, ma vintage gustibus…

In varie occasioni si è potuta fare la conoscenza di questo mondo parallelo dove dietro ad ogni uomo c’era una lei. Fino a Marrazzo. Ed era anche simpatico, all’inizio, notare i gusti di certuni che avevano panzetta e mento tremulo ma si ostinavano a circondarsi di bellissime fanciulle. Ma và, vecchio! Rinuncia all’idea di eterna giovinezza che non ti si confà, e porta i nipotini al parco. Poracce loro che non si trovano mai un George Clooney davanti ma, al massimo, un Leone Di Lernia riesumato a fatica.

 

“Escort è il nuovo nome. Escort è un nome che sembra nobile. Sembra un’attitudine piuttosto che un mestiere, una specializzazione piuttosto che una disperazione”scrive Saviano su L’Espresso della scorsa settimana. Vogliamo dargli torto e dire “no, ma dai, ci sono i bambini che se poi sentono quella parola che brutto che la ripetono”? Eh, poveri pargoli.

MA POVERI NOI! Che tormento sapere chi va a letto con chi.

Barbie sarebbe stata più accorta, modesta e si sarebbe lavata la coscienza facendo l’ambasciatrice Unicef e sfornando biscotti glassati.

Annunci

17 pensieri su “Senza tanti giri di parole 2

  1. Barbie… non ho mai capito se sia un’icona del femminismo o del maschilismo. O magari è solo una bambola.

  2. **josefk, io credo e crederò sempre che è solo una bambola. diventata un cult modaiolo, certo, ma pur sempre un giocattolo preso, forse, un pò troppo sul serio. tutte quelle bimbe che hanno una barbie non diventano per forza profonde come una pozzanghera e tutte quelle che non ce l’hanno non diventano condoleeza rice. che penso abbia una barbie pure lei.C’è del marcio ovunque, ma forse nei giocattoli ancora no. **iris, che fare e che dire. ormai anche essere, scusate, puttana è un motivo d’orgoglio.chissà chissà domani su che cosa metteremo le mani (lucio dalla)

  3. uaaaaaaaa si chiamano così?ma dai……..comunque consiglio davvero l’articolo di Saviano. il numero dell’Espresso si intitola IL MERCATO DEL SESSO ed è del 12 novembre mi pare.

  4. Bella l’epoca delle barbie,certe volte mi mancano un sacco quegli anni,dai nove in poi è cambiato tutto,altro che barbie col pony,il camper,la carrozza e un outlet a sua disposizione!

  5. **matteo, mi spiace che tu sia disturbato. eppure mi pareva un buon nome per degli zaini.**vale, a me mancano le barvie. farei una figlia solo per avere la scusa di giocare con le barbie.ma poi dove metto la figlia?

  6. E’ un bel problema,potresti cacciarla dietro il grana,come una pubblicità di anni ed anni fa dei salaminiberettachesparisconoinfretta"tesoro,dove sono i salamini beretta?"li ha mangiati tuoi figlio""abbiamo un figlio??""ma no dai,lì dietro il grana""un figlio dietro il grana?"C’è mia madre che la rimembra ancora come una delle cose più esilaranti mai sentite.Ecco perchè la so a memoria,ogni tre per due la recita

  7. oddio ora che me l’hai fatta ricordare!!!!!!!!!!!!!ahahahahahahahahahahahaahahahahahhaahahahahahahahahahahahahaahahahahahahahahahahahahahahahahahahahaahahahaahahhahahahahahahahche spasso

  8. **vale, non so ma non tanti se la ricordo io. ho una memoria vagamente anziana.forse 5 anni. ma anche meno.**damiano, era un articolo interessantissimo secondo me. se trovo il link lo posto.

  9. MA che spot padano!Salamini beretta,spariscono in fretta…..seee ciao che 5 anni,avevo meno di 13 anni….o no?Bah comunque non è uno spot da polentaland

  10. ma amore di una vale, se tu ne avevi tredici io ero più grande quindi…per una mia logica ho ragione io ahahahahahah

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...