Mi taccio

 
Fiduciosa nel prossimo mi sono di nuovo messa a zonzolare per qualche spaces.
"E’ un periodo così noioso, e poi devo mettermi in testa di diventare pro-ana che so che è orribile ma è fantastico"
"Anch’io ogni tanto sono pro-ana. Poi dipende da quando ho voglia"
 
Mi si sono ufficialmente infrante le palle. Non ci posso credere…Gente della mia età che scrive su blog rosa shocking che nella noia estiva generale vogliono essere pro-ana. Che per chi non sa cosa vuol dire lo spiego in due parole: per l’anoressia. Tossicchio forte leggendo qui e là e non trovo neppure un commento, una critica, una presa di posizione qualsiasi. Una tizia scrive che se non vede il moroso fa l’anoressica per passare il tempo E DIECIMILA CONTATTI NON HANNO DI MEGLIO DA DIRE CHE "Anch’io ogni tanto, così, se mi rompo…". Spiegatemi dove ho sbagliato: dovevo nascere stupida e fregarmene di queste orribili scenette o dovevo nascere stupida e partecipare a queste orribili scenette? No, perchè, sapete, l’anoressia e la bulimia sono due elementi triti e ritriti nella vita dell’adolescente medio, forse molti di noi ne sanno davvero troppo su questi argomenti, ma la leggerezza con cui un tot di ragazze/semi.donne commenta la parola pro-ana è devastante per il mio equilibrio psicologico.
Innanzitutto pro-ana è una parola del cazzo creata da ragazzine e ragazzini che volevano nascondere con questo codice il loro problema (si tratta di una malattia, per chi ANCORA non lo sapesse…) e in più pro e ana sono due parole che non possono stare allacciate, unite insieme, sono opposti impossibili da leggere vicini. E’ come avere, tra le pubblicità, una tizia mezza morente che afferma soddisfatta con uno yogurt in mano "Io sono per l’anoressia", peggio di una campagna elettorale.
"Io sono per l’anoressia", è questo che vuol dire pro-ana. E aggiungere, come ho letto, "so che è una cosa orribile ma la faccio perchè è ottimale" mi provoca conati indipendenti dalla mia recente malattia. So che è una cosa orribile. Allora la soluzione è a portata di mano: sei solo idiota.
Perchè, vedete, se queste qui fossero persone che l’hanno vissuto davvero non butterebbe frasette scovate sui blog dentro ai loro interventi, così, con sciocca superficialità, come se il peggio nella vita potesse essere un’unghia rotta. Immagino queste persone e vedo qualcuno terrorizzato dai peluche sul letto, dalla morte di un tronista, sconvolto perchè ha perso il suo favorito ad Amici. Non vedo ragazze e ragazzi che hanno uno squilibrio alimentare così forte da farli rifugiare in ogni cosa…
Volete davvero leggere un blog scritto da persone con questi problemi?
Ecco. Qua. dentroimieisilenzi.blogspot.com 
La differenza tra chi soffre e arriva a questo e chi non ha di meglio da fare che cazzeggiare su questi argomenti è sottile…ma esiste.
 
-può essere che il blog in questione, famoso circa 5 anni fa, non si trovi più. Io sono stata una delle poche che l’ha visto e letto completamente e sarebbe stato uno spunto di riflessione interessante. Male che vada potete leggere di questo sito su altri blog…era davvero…beh…terrificante.
Annunci

21 pensieri su “Mi taccio

  1. l’idiozia della gente non è mai troppa, soprattutto se riguarda l’argomento "estetica: sofferenza e affini per un corpo meraviglioso"
    totalmente d’accordo con te

  2. Lo devo confessare.
    Non posso più tacere.
    I primi tempi……
    credevo che PRO ANA fosse una pomata per le emorroidi.
     
    Cmq, credo che anch’io per la noia mi metterò a fare un po’ l’anoressica. Ullalà che bel modo di passare un pomeriggio.
    Bisognerebbe deportarle forzamente in Sudan o in Nigeria a patire davvero la fame, così la smetterebbero di preoccupararsi della loro ehmehm GRASSEZZA. Oddio, forse sarebbero contente. Mi fanno schifo, ma davvero tanto schifo.

  3. iuccia, il punto cruciale è: queste non sanno davvero di che parlano (e mi pare ancora più assurdo) se si atteggiano in questo modo infantile. vorrei davvero mostrare il link del blog ma credo sia…come dire…meschino. altrimenti vedresti cosa ho letto.
     
    bea, uauauauau. sei pazzesca!!!! comunque non so che dire, in realtà, a queste pistelle che pensano davvero che pro-ana sia uno stile di vita.

  4. La situazione mi preoccupa e non poco. Queste nuove generazioni vivono male la loro crescita che li porterà ad diventare donne e uomini (per gli ultimi, forse è solo nata negli ultimi anni, non sapevo che esistesse anche l’anoressia per i ragazzi), la cosa più brutta è che la tv li sta plagiando, rubando e distorciendo le loro giovani menti, crescono con l’idea che magro, magrissimo è bello, con tutto lo schifo che guardano in tv, modelle belle che sfilano, imbecilli che si fanno chiudere in una casa spiati da telecamere oppure altri ancora più imbecilli che fanno credere di andare a trovare la lora anima gemella in tv (ma poi mi chiedo tutti strafighi sono, non ci sta uno normale!). Questa gioventù deve essere aiutata, i genitori penso siano troppo impegnati con il loro lavoro che stare accanto ai loro figli e chiedergli semplicemente – "come va? parliamo un pò! – poi purtroppo queste nuove tecnologie, sms, internet, chat creano un mondo parallelo dove i giovani si ritrovano e parlano senza che i genitori sappiano niente, uno dei problemi penso sia questo, l’incomunicabilità moderna – genitori –> figli. I clichè della vita moderna dicono che dobbiamo essere tutti belli, magri e disponibili. Io sono sempre stato diverso dagli altri, non mi ritengo bello, però posso piacere a mio modo, ho affrontato quasi 4 anni fa una dieta che mi ha portato a perdere 33 Kg in due anni, un ottimo risultato, ho raggiunto il mio peso forma, senza la minima idea di andare oltre e dimagrire fino all’accesso per piacere alla gente, ho imparato a mangiare sano e fare sport in modo continuo. Io sono così, mi piaccio e ciò mi basta, non voglio conformarmi alla moda. Ci sono gli stupidi che plagiano gli altri rendogli stupidi a loro volta, ma per fortuna ci sono i furbi che capiscono e dicono – "No, grazie!"- 

  5. mah, onestamente io non me la prenderei troppo per il comportamento di questi ragazzi. Stiamo parlando di adolescenti, no?Si insomma, discorsi del genere a quell’età magari possono saltare fuori dai….La cosa che mi consola è che fortunatamente non basta dire "sono per l’anoressia" per essere effettivamente malato e adesso non sto a tirare fuori tutte le implicazioni psicologiche e ambientali che portano a questa terribile condizione. Pertanto…beh, le stronzate si dicono e i ragazzini cresceranno…e si sentiranno terribilmente stupidi per aver mancato di rispetto in questa maniera alle persone realmente malate schiacciandone la sensibilità in questo modo very TRUCEX ™.Altrimenti non lo capiranno mai. E allora saranno idioti a vita.

  6. mmm…ok scusate è stato un commento ASSOLUTAMENTE infelice, fatto prima di rendermi conto della dimensione REALE del problema…cosa che ho risolto in quattro minuti dal momento che ho scritto pro ana su google e sono stato sommerso da blog riferimenti siti e cose così. Chiedo scusa per la leggerezza con cui ho affrontato la discussione.

  7. Si tende ad affrontare tutto con eccessiva leggerezza. E’ questa l’opinione che mi sono fatto relativamente alle nuove leve. In fin dei conti anche la mia adoloscenza viveva di frivolezze, come quella di chi mi stava attorno. Ma erano fesserie, si prendevano poco sul serio cose poco serie.Poi può anche essere una questione di linguaggio. Le parole ed il loro senso, il loro valore, possono essere parecchio distanti tra loro.Comunque capisco pienamente la tua rabbia.P.s.Bello l’avatar (il tuo).

  8. Già… purtroppo è così che ragiona il 95% degli adolescenti di oggi…non ci rimane che sperare in quel 5% rimanente..
    la cosa piu brutta però è che si vantano di tutto questo, che lo ammettono come se fosse una maglietta comprata in saldo dici bene tu, se fossero davvero malate di anoressia capirebbero con quanta leggerezza prendono tutto questo.

  9. Mah…che dire se non : HAI PERFETTAMENTE RAGIONE.
    La gente che parla di cose che non sa nemmeno cosa sono , e per di più per tirarsela e farsi figa :-( mette una tristezza infinita e soprattutto è irrispettosa per chi quei problemi li ha veramente.
    Almeno io se non so cosa scrivere scrivo che mi devo sposare con Jim Sturgess……….. :-)))

  10. marco, io non darei la colpa solo alla nuova vita che abbiamo, tecnologia e grande fratello. Qui c’è proprio ignoranza perchè i magri e i grassi esistono da sempre, cambia la cultura, la storia dell’umanità e i suoi costumi. Chi prima era grasso era bello perchè mangiava (parlo dell’Ottocento ovviamente…) oggi non è per nulla così. Sono d’accordo sulla comunicazione ma forse non mi soono spiegata bene: l’età di quelli che hanno scritto le cose che go letto va dai 18 ai 23 anni. Non sono adolescenti. Non più. E con questo mi collego a quello che dicono matteo, katia, roberta e josef: mi sarei anche risparmiata un intervento se non fosse che erano appunto miei e tuoi coetanei a dire "finalmente ho finito la scuola ci terrei a seguire un’alimentazione pro-ana". E anche qui. Un controsenso dopo l’altro…Alimentazione e pro-ana. Cosa cazzo vuol dire?!?Non sei stato superficiale, hai visto solo l’aspetto patetico della cosa: hanno 16 anni, cosa vuoi che facciano? Se fosse così ti avrei dato ragionissima, ma questi non hanno 16 anni da un pezzo…E non sono neppure anoressici o bulimici. Intendiamoci ragà, se fossero malati si potrebbe discutere di quanto si stiano rovinando la vita. Io critico ‘ste persone che ne parlano così, come scegliersi il gelato. E’ diverso.

  11. Piccola premessa. Perché quando li apro io i blog rosa shocking ci trovo solo Diddl glitterati?
    Passiamo alle cose serie. Sinceramente non ero a conoscenze dell’esistenza di un movimento pro-ana, mi sembra una cosa tanto stupida quanto ripugnante da essere inverosimile. Se fosse frutto di un’oculata presa di coscienza, di un indagine interiore, allora non dico che sarei favorevole, ma quantomeno “meno contro”. Temo però che più che valutare gli effettivi danni fisici e cerebrali (perché, a mio parere, alla base dell’anoressia c’è sempre un disagio), si tenda a prendere in considerazione la moda. Così come un sacco di ragazzine si professano baluarde del punk ascoltando Avril Lavigne, ho paura che allo stesso modo queste deficenti si atteggino a cultrici della magrezza corporale ispirandosi alla “magra bellezza” della signorina x oppure y. A tutti piacerebbe, in fondo in fondo, vestire un jeans taglia 36. Si prevarica allora il fattore personale, le proprie idee, per seguire un lifestyle che non appartiene loro, ci si convince che si sta facendo una cosa buona e giusta, pur non essendo realmente d’accordo con se stessi, lasciandosi trascinare da quel che accade in giro. In pratica si passa dalla convInzione alla convEnzione. Che secondo me fa più vittime di Bush. È da dire anche che a volte c’è un parziale fraintendimento. Non credo che tutte le pro-ana vogliano ridursi così: (l’immagine è un po’forte) http://design.ox2.be/wp-content/uploads/roberto/nolita.jpg O almeno, non voglio crederci. Credo vogliano soltanto dimagrire, seguendo canoni drastici e fregandosene di usurpare il nome a quelle povere ragazze che ci stanno male davvero. Solo che, come sempre accade, si lasciano prendere troppo la mano.

  12. il problema è che molte persone superficiali prendono il dolore come una moda passeggera.chi soffre o ha sofferto davvero tende a non rendere pubblici  suoi dolori…..

  13. Sì, avete ragione. Resto senza parole ogni volta che sento qualche ragazza dire "Voglio diventare anoressica" o qualcosa di simile, come se fossero caramelle. Io ne so qualcosa ed è davvero terribile, un momento della vita che condiziona tutto il resto.

  14. mario, d’accordissimo. e ti cito Credo vogliano soltanto dimagrire, seguendo canoni drastici e fregandosene di usurpare il nome a quelle povere ragazze che ci stanno male davvero perchè è questo il punto centrale della questione: sbandierare "ehi sono pro-ana" come se fosse il nome di un nuovo cappotto (sapete, trench, kelly bag…robette così) è talemnte tanto idiota che mi viene da star male.
     
    vale, servirebbe una lezione a queste qui.
     
    giulia, è davvero allucinante. Anche perchè scegliere di diventare qaulcosa, mmm, non mi convince e non mi ha mai convinto. In queste occasioni (chiamiamole così) la scelta è ben poca cosa rispetto al baratro in cui sei caduo e non ti sei neppure reso conto di che hai fatto…

  15. E’ il risultato di un condizionamento eccessivo rivolto all’esaltazione dell’immagine.
    Oggi, per molti adolescenti (e non solo) si è ciò che si appare.
    La fragilità e il disagio abbinati spesso ma non sempre alla stupidità rendono vulnerabili e facilmente condizionabili.
    E’ vero, sono malattie. Bisogna però ammettere di avere un problema. Se non si è disposti a riconoscerlo non se ne esce con tanta facilità.
    Proprio perchè malattie non mi sentirei di essere eccessivamente aggressivo con chi vive (per i più svariati motivi) situazioni del genere.
    Si ottiene l’effetto opposto a quello desiderato.
    certo, sui commentatori silenti, non c’è granchè da dire oltre quello che hai già scritto tu.
     
    PS: non passavo da queste parti da un bel po’ di tempo.. il tuo blog è sempre più ben fatto e ironicamente intelligente :-) ciao!
     

  16. vale, spezziamo gli ossicine!
     
    fabio (grazie per i complimenti) la malattia esiste, da molti anni anche, non è frutto del 2000, non del tutto comunque. Però la frivolezza con cui qualcuno afferma che VUOLE  l’anoressia, beh, mi fa indiavolare parecchio.
    "
    Sì, ℮ѕco coη ι мι℮ι αмιcι, мα ιĿ я℮ѕтo Đ℮ĿĿα мια gιoяηαтα Ŀα ραѕѕo αĐ αηηoιαямι, тяα Đoямιт℮ ℮ ρc! Cн℮ ρoι Ŀα ηoια, ѕι ѕα, тι ρoятα αĐ αν℮я℮ ιη вoccα ѕ℮мρя℮ qυαĿcoѕα Đα ѕgяαηoccнιαя℮, ℮ qυ℮ѕтo ρ℮я м℮ è υη oѕтαcoĿo, Đαтo cн℮ νoяя℮ι αννιαямι α coηĐυяя℮ υηα νιтα αĿιм℮ηтαя℮ Đα ρяo αηα… "
    ecco quello che mi è toccato leggere, tra le cose.

  17. beh sì, hai ragione.
    ma tu cosa hai risposto?
    hai commentato il post che conteneva un’affermazione del genere?

  18. sì dicendo che cambiare vita va bene, ma sparare queste stronzate no. con termini più oxford, ovviamente.
    la risposta è stata (mi sento quasi onorata perchè ero l’unica a cui aveva risposto) "si vede che non mi conosci. io sono malata in testa".
     
    mah.
    poi il si vede che non mi conosci è il colmo. Come posso conoscerti?!?!?banalità….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...