Analisi di un discorso ipocrita

 
Bush si lamenta tanto che in Cina mangiano troppo riso, pagano troppo poco i lavoratori, Mulan era comunista eccetera. E in tutte queste critiche mosse alla nazione dagli occhi a mandorla saltano fuori interessanti spunti per una riflessione.
 
"Sono profondamente preoccupato. Ho parlato con chiarezza e franchezza, e con costanza ai leader cinesi della nostra profonda preoccupazione per la libertà religiosa e dei diritti umani"
 
oh, grazie Presidente. Essendo l’America lo stato della libertà (fittizia) per eccellenza mi sembra proprio la persona più adatta a criticare la dittatura cinese. I diritti umani. Applauso al Presidente, a quell’uomo favoloso che ha dato una mano a sterminare circa 600mila persone. Diritti Umani. Chi meglio di quest’uomo conosce la parola diritto? Il diritto a rubare petrolio spacciandolo per "esportazione di democrazia", il diritto a imporre il proprio ego su stati liberi o quantomeno con un loro governo, il diritto a condurre una guerra insulsa e stupida solo perchè padre figlio e presidenti passati hanno fatto male i loro calcoli (se tu dai una bomba a Saddam, Saddam ha la bomba.E’ così difficile da capire?). Diritti Umani. Giusto. Quindi i prigionieri torturati da una stronzetta laureata in mitragliatrici e strappabudella dove rientra? Nel diritto umano di umiliare persone di diverse religioni, credi politici, nazioni? Ah già, era una vendetta per l’11 settembre. Come dimenticare? E le mine esplose tra le gambe dei bambini a Bagdad non hanno fatto soffrire quanto l’11 settembre? No, certo. Il "nostro" dolore è sempre più grande. Come cantava Vasco Rossi "il mal di pancia ce l’ho io mica tu". E Bush giù a mandare aspirine che illuminano le strade dell’Iraq e dell’Afghanistan, per farselo passare.
 
"Gli Stati Uniti ritengono che il popolo cinese ha il diritto delle libertà fondamentali che sono il diritto naturale di tutti gli esseri umani. Così l’America è fermamente contraria alla detenzione da parte della Cina di dissidenti politici, difensori dei diritti umani e attivisti religiosi"
 
Ah. L’America è contraria? E da quando? Forse, Presidente, lei voleva dire che l’America SAREBBE contraria ma finchè lo fa in altre nazioni che non hanno più nulla da perdere…Hanno il burqa, insomma, MERITANO di morire. L’America. Il sogno di ogni essere umano sulla Terra. L’America. Patria di libertà, diritti, giustizia. Quella giustizia che condanna a morte, come in Cina. Che nasconde le prove delle sue malefatte negli stati che occupa, come in Cina. Che inculca stupidaggini e buoni propositi per propagandare un mito finito con Kennedy. Come in Cina.
 
"In definitiva solo la Cina potrà decidere quale strada seguire – ha sottolineato infine Bush – il cambiamento in Cina arriverà con i propri termini, secondo la sua storia e le sue tradizioni"
 
Altrimenti arriviamo noi, voleva aggiungere. Ma qualcuno l’ha zittito in tempo anche stavolta.
Annunci

10 pensieri su “Analisi di un discorso ipocrita

  1. Non so se le parole di Bush verso la Cina siano state per te una "scusa" per mettere in mostra le scempiaggini del governo americano e di quelli passati….In tutto questo c’è da dire che l’ipocrisia a stelle e strisce non può essere utilizzata come scusante per nessun’altro. Cina, Iran o chiunque altro sia.

  2. ..e poi dici a me che sono comunista…
    vedo che sono in ottima compagnia!
    ahahahaha
    xD
    bush andasse a morire
    voglio obama
    qui e ora.
     

  3. volevo aggiungere qualcosa, ma credo che il conato di vomito che mi è salito sia abbastanza buono come commento.
    La Dal Molin la fanno perché temono il bombardamento di Vicenza? Lozano non ce lo danno per processarlo, non sia mai che un soldato della civile America abbia essere processato e condannato.
    Terra della libertà ‘sto… no, non scivolerò nel volgare.
    io non so cosa siano gli USA, di sicuro non la libertà. God Bless Amerika, come dicono i miei amici Rammstein.

  4. josef, io non giustifico assolutamente nè voglio nascondere le azioni della Cina o di qualsiasi altro stato. Ma non posso sopportare un qualunquista come quest’uomo che sputa sentenze invece di mostrare un minimo di dignità e tacere.
     
    gabbry, no eh! io non amo la parola comunismo, e non difendo la Cina, sia ben chiaro, però Bush è tutto fuorchè un uomo che apprezzo. Obama anche per me, sperando nel cambiamento. (che in Italia ancora non c’è)
     
    bea,sento molta più libertà qui da noi che in molti stati….

  5. concordo.La Cina è certamente malconcia dal punto di vista umano ma essere sgridata da un presidente americano è proprio intollerabile. Posso perfino accettare le critiche di Sarkocoso, almeno lui non si spaccia pubblicamente per un santo e poi fa i porci comodi (ovviamont con Carlà sì :D )

  6. mah. io comincio a ripetermi che potrei anche scrivere di peluche e winnie the pooh che tanto non cambio il mondo.

  7. beh, ma non saresti più la Clara che ci piace.
    (che ALMENO a me piace, ecco).
    come ti ho detto oggi pome, quando hai bisogno di urlare, urla pure con me, che ti ascolto. :)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...