Bovarizzandomi

 
Ieri notte ho cominciato a leggere Madame Bovary. In realtà sono anche a pagina 250 di Notre Dame de Paris e a pagina 30 de Il Rosso e il Nero e c’è anche Bassani da finire oltre alla biografia completa del mio amato Jeff, in pausa dopo aver raggiunto il racconto del suo annegamento. Perchè tutti questi libri e neppure uno terminato? In parte perchè sono la tipica persona sboronz che svuota le biblioteche per poi riportare – con ritardi assurdi – i volumetti senza averne mai sfogliato neanche l’indice. Il motivo di questo tic libraio non l’ho ben capito ma credo sia dovuto alla sete di conoscenza e nozioni che, irrimediabilmente, mi convincono sempre più a navigare nell’ignoranza completa. Entro, resto circa tre quarti d’ora a leggere i trilioni di titoli "che conosco ma non è quello che cercavo" e poi lancio sulla scrivania dell’annoiata pagemaster il primo classico da cinquecento pagine che trovo. Va bene tutto, da Guerra e Pace a L’isola di Arturo a Pamela. So già che a occhio e croce ne leggerò tre capitoli ma sento che devo prenderlo. Inoltre ho una teoria che finora non è mai stata smentita – quindi siete pregati di non farlo proprio ora -, cioè quella del LIBRO DOPO VENTI. Esistono opere [molte] che hanno un inizio talmente piacevole da preferire la lettura a un attacco alieno e prosciugano la vostra aspirazione di portare in vacanza a Ibiza un pò di cultura. In caso di LIBRO DOPO VENTI, basterà superare quell’ostacolo delle prime pagine (il mio dato medio è venti ma possono essere di più, vedi I promessi sposi) e chissà che non troviate il libro della vostra vita, la Bibbia che vi guida, il grande book spirituale. Questa è la loro caratteristica inconfondibile: dategli tempo, appena sarete arrivati a metà filerà liscio come l’olio. Le eccezioni esistono. Prendiamo On the Road…ecco. Quello è TUTTO un dopo venti, oppure Il Processo o, ancora, Fontamara. Insomma, ce ne sarebbero a centinaia ma vi lascio alla ricerca e poi ho qualcosa da leggere.
 
 

 
 
Annunci

5 pensieri su “Bovarizzandomi

  1. pagemaster..la guida per ogni topo di biblioteca!
    perchè tutti sperano di trovare quei tre fantastici libri..fantasy avventura e pauraaa
    (nn m ricordo i nomi..nn c provo nemmeno..sfoglierò l’album di figurina stasera..)
    anche io sn una lettrica dai libri mai finiti..grandi libri cm il signore degli anelli..rigorosamente in volume unico..ma sia i tre tomi separati
    però la srie di I love shopping ‘ho finitsa in pochi giorni!huhu!
    per fortuna che per darmi un tno in treno mi porto umberto eco…XD
    ciauuu

  2. sul signore degli anelli mi salvo…cioè, relativamente.
    l’ho letto quattro volte. tutto.
     
    credo che neanche tolkien sapesse tutto del suo dannato librone.
    ma i libri non si chiamavano come il genere? FANTASIA, ORRORE…no, forse no.

  3. sinceramente mi ricrdo fansy avventura..ma quello dell’orrore no..mannaggia
    era pure il pù simpatico..
    colpa sua mi sn letta dracula, frankenstein e mr.poe
    XD

  4. C’è chi dice che I Malavoglia siano un dopo venti..bah, io l’ho letto tutto senza problemi! E non ti preoccupare, non sei l’unica che svaligia le biblioteche per poi riportare tutto (dopo svariati rinnovi) senza nmmeno essere arrivata al terzo capitolo!! Attenderò la vecchiaia per dedicarmi a lunghe e noiose letture!

  5. sìììììììì orrore era così…carino. anche tonto. ecco.
     
    ciao chicca!!!guarda, i malavoglia…mah…sì, possono essere un dopo venti. è un libro che io adoro ma alla prima occhiata pesa…e non poco. e poi che famiglia sfigata.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...