Libri su libri, idee su idee, sola.

 
Sentirsi soli. Sentirsi tremendamente soli. E stronzi. Perchè gli altri esistono. Ma sei solo.
La propria camera, le quattro mura verdi che proteggono, attutiscono, ovattano quel mondo fuori. Quella strada e il freddo e la pioggia. Piove. Piove da una settimana e non ricordo quando è arrivato e passato Natale, quando il 2007 è diventato 2008, quando ho smesso di credere nel mio futuro. L’università. Perchè mi sono iscritta, onestamente? Da un mese fingo di prepare uno stupido test informatico e non darò neppure quello, o magari sì.
"E’ un pò tardi per avere una crisi adolescenziale". Vaffanculo Jacopo. Non ho 15 anni, lo so, grazie. Ma non sono neppure una donna vissuta che ha capito tutto. Non capisco nulla. Esattamente come 4 anni fa. Sono solo più…informata sui fatti.
Non mi pongo domande. Non esistono quindi risposte. Mia madre dice che sto buttando i miei vent’anni ma so che si sbaglia, altrimenti le avrei gettato addosso tutta la mia rabbia, ma so che si sbaglia e quindi non le dò retta. Sto cercando i miei vent’anni.
Non credo stia andando bene, ma provo. Resto in camera, penso a Roma a Parigi a Messina a Dublino a me…penso che forse sono una povera cretina. Niente forse.
Si chiama fuga dalla realtà? Voglio cambiare, questo so. Voglio respirare. Voglio chiudere un’età per aprirmi ad un’altra.
E’ tutto così stupido.
 
"It’s so easy to laugh it’s so easy to hate it takes guts to be gentle and kind – over and over…Love is natural and real but not for you my love"
 

Annunci

6 pensieri su “Libri su libri, idee su idee, sola.

  1. strano… cercavo una poesia.. di cardarelli.. e mi è stato dato il tuo blog come primoe unico contatto da google per "l’attesa".. così mi sono messa a leggere qualche cosa…. fabio volo.. legge di murphy… cose che ci accomunano…. ti ho scritto il mio contatto msn… se ti va chiacchieriamo . ciao fabrizia e grazie per la poesia…

  2. ciao fabrizia…spero che tu l’abbia trovata, per me è una poesia dolcissima…non conoscevo cardarelli prima di qualche mese fa.
    grazie per i complimenti e prendo subito il tuo contatto. ne sarei davvero contenta.

  3. a vent’anni si è stupidi davvero
    quante balle si ha in testa a quell’età.
    dall’alto dei miei diciassette (mh) posso dirti che non sono i diciotto, i venti, i venticinque che ti cambiano.o che ti fanno crescere, qualsiasi cosa crescere voglia dire. avrai le tue crisi a diciotto, a venti, e a venticinque. non saprai dove sbattere la testa anche a trent’anni, magari. non sono crisi adolescenziali in ritardo, non sono stronzate.e non è questione di essere "donne vissute".
    è tutto così stupido, è vero. e il momento dopo è tutto così facile. o così bello. o così doloroso. o così ingiusto, indimenticabile, strano, vero, bugiardo.
    è tutto così "noi", e nessuno può capirlo per quanto ci affanniamo a spiegarlo e per quanto gli altri annuiscano e provino a capire.

  4. posso solo dirti…sì. mi stai capendo.
    l’età non conta, è il momento. quello giusto e quello sbagliato per fare o non fare una cosa. questo è quello giusto per non fare molte cose, ma quello sbagliato per farne altre.
    e io non capisco neppure me stessa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...